Come scegliere il giusto essiccatore per alimenti

Quando si vuole acquistare un essiccatore potrebbe succedere di sbagliare acquisto, allora come fare la  migliore scelta?

Le caratteristiche degli essiccatori per alimenti.

Gli essiccatori domestici si possono trovare sul mercato pure ad un  basso prezzo basso, difatti, dei prodotti costano circa 40 euro. Chi invece ha intenzione di dedicarsi ad un quantitativo maggiore di alimenti da essiccare, dovrà spendere di più, ovvero intorno ai 150 o 180 euro per acquistare Migliori essiccatori.

Il tempo richiesto per poter essiccare totalmente frutta e verdura, ma pure i funghi, potrà essere compreso fra le 48 e le 64 ore. Il tutto sarà legato pure al periodo in cui si procede con la disidratazione degli alimenti. Nel corso della stagione estiva, quando già l’aria sarà rovente, l’essiccazione potrà richiedere meno tempo. Il discorso cambia invece durante la stagione invernale quando invece l’essiccatore dovrà essere usato più a lungo perché l’aria circostante è più fredda. Ci sono alcuni alimenti che hanno bisogno pure soltanto di 6, 8 ore per una parziale disidratazione.

Se si procede all’essiccazione della frutta secca,  si potrà poi riporre una parte in un contenitore di vetro e conservarla anche per un anno. Con gli essiccatori ad uso domestico si potrà pure procedere a preparare grissini,  snack energetici, barrette di cereali,  hamburger e biscotti. Tali alimenti potranno essere conservati nel tempo, sia nella stagione estiva che invernale.

In tanti si chiedono cosa avviene durante l’essiccazione alla frutta, nello specifico è possibile dire che sul fronte delle nutritive proprietà, sarà di gran lunga superiore a differenza di quella essiccata. Con la disidratazione il contenuto vitaminico si ridurrà e diminuisce, anche se soltanto in parte piccola, anche il profumo. Gli odori diminuiscono sia dopo l’essiccazione di frutta e verdura, ma questo avviene solo in minime percentuali.

Un importante aspetto da dover considerare quando si sceglie un essiccatore è certamente quello della tipologia di modello cui si è interessati, ovvero orizzontale oppure verticale. La differenza fra gli articoli sarà legata al tipo di essiccazione. I modelli che hanno un flusso d’aria orizzontale permettono un’omogenea disidratazione di tutti gli alimenti che sono collocati sui vari ripiani. Invece, gli apparecchi con flusso d’aria verticale, prevedono il cambio di volta in volta della posizione dei vassoi. E’ ovvio che gli alimenti che sono ubicati sui cestelli posti in prossimità della fonte di calore, si essiccano prima degli altri, quindi risulta importante negli essiccatori verticali il cambio di posizione dei diversi scomparti.

Tanto più pratico, allora, un essiccatore dotato di flusso d’aria orizzontale, difatti, su ciascun ripiano si potranno inserire alimenti differenti fra loro e nonostante questo gli odori non  si mescoleranno mai.